foto di un ape su un fiore con pagina di libro descrittiva a lato

Volume internazionale Italian apiculture

A Journey Through History and Honey Diversity, a cura di Ignazio Floris.
Martedì, 17 Novembre 2020

È disponibile il volume internazionale ITALIAN APICULTURE, A Journey Through History and Honey Diversity, a cura di Ignazio Floris, professore Ordinario di Entomologia del Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari, Accademico Ordinario e Coordinatore Nazionale del "Gruppo di Lavoro Api" della Società Scientifica Entomologica Italiana.

Questo libro (464 pp.) rappresenta un primo tentativo di riassumere la conoscenza dell'apicoltura italiana e della sua storia, compresa la diversità dei mieli. Ha coinvolto noti esperti accademici italiani in apicoltura e ha voluto arricchire il lavoro di Eva Crane per onorarne la memoria.

Il lavoro è stato realizzato nell’ambito dell'Accademia Nazionale Italiana di Entomologia grazie all’approvazione di un progetto internazionale (Grant Application dell’Eva Crane Trust) e, in parte, ai Fondi per la Ricerca dell’Ateneo di Sassari.

L'Italia è un Paese dove la cultura delle api ha permeato più che altrove la storia del nostro popolo, comprese le sue tradizioni, l'economia, le espressioni umanistiche e artistiche. Ciò è stato favorito dalla diversità geografica e culturale che caratterizza il Bel Paese, spostandosi da nord a sud, isole comprese.
La grande diversità culturale e ambientale è anche alla base della grande varietà di risorse mellifere che, soprattutto con l'avvento dell'apicoltura moderna, si è tradotta in una vastissima gamma - la più ampia a livello mondiale -  di varietà botaniche di mieli con caratteristiche organolettiche, proprietà e composizione molto varie.
Oltre all’opera storica di Eva Crane sull’apicoltura mondiale (The World History of Beekeeping and Honey Hunting), in cui l'apicoltura italiana è parzialmente descritta, mancava un ampio trattato che illustrasse e riassumesse la ricchezza espressa dalle diverse culture regionali della penisola e delle sue isole maggiori.
Questo libro (464 pp.) rappresenta un primo tentativo di riassumere la conoscenza dell'apicoltura italiana e della sua storia, compresa la diversità dei mieli. Ha coinvolto noti esperti accademici italiani in apicoltura e ha voluto arricchire il lavoro di Eva Crane per onorarne la memoria.