Beirut, il Rettore Massimo Carpinelli firma la convenzione con la Lebanese University

Università di Sassari in Libano: prosegue la collaborazione scientifica

Giovedì, 5 Ottobre 2017

E' in corso alla Lebanese University la visita di una delegazione dell’Università di Sassari e del Consorzio Universitario per la Promozione degli Studi Universitari nella Sardegna Centrale,  accompagnata da una rappresentanza del comune di Nuoro e della locale Camera di Commercio.

La Lebanese University è l’unica università pubblica libanese, con oltre 70.000 studenti e 5000 professori, con numerosi campus distribuiti in tutto il Libano. Il campus principale di Beirut da solo conta 40.000 studenti. Il Libano è una nazione ad alta densità di popolazione, con cinque milioni di abitanti in un’area pari a meno della metà di quella della Sardegna, e con un’economia molto sviluppata, soprattutto nel campo economico-finanziario e commerciale. E’ anche il centro culturale più importante e con le migliori università del Medio-Oriente, che sono infatti sono frequentate da moltissimi studenti stranieri.

La convenzione firmata ieri a Beirut con la Lebanese University dal Magnifico Rettore dell’Università di Sassari Massimo Carpinelli, rinnova ed amplia una precedente convenzione del 2013, finalizzata a facilitare gli scambi di studenti e docenti fra le due università ed a sviluppare accordi di ricerca su tematiche di mutuo interesse.

A margine della firma della convenzione, il prof. Massimo Carpinelli ha evidenziato ’importanza dei legami storici che legano Libano e Sardegna  e la necessità di promuovere lo sviluppo scientifico e tecnologico per poter guardare al futuro in maniera positiva. A tal riguardo, sono già numerose le collaborazioni scientifiche in atto fra i due Atenei, relative soprattutto le attività di ricerca sviluppate dal Dipartimento di Agraria in accordo con la Lebanese University.

In particolare, come illustrato da prof. Antonello Cannas durante la cerimonia, ad oggi 14 studenti laureati nella Lebanese University sono iscritti al Corso di dottorato di ricerca in Scienze Agrarie. Altri 3 dottorandi libanesi sono iscritti al corso di dottorato in Scienze Veterinarie.

I dottorandi libanesi stanno conducendo ricerche concordate fra i docenti dell’Università di Sassari ed i partner libanesi, coordinati dalla prof.ssa Nadine Nassif e dal prof. Georges Hassoun. Le tematiche di ricerca riguardano diverse aree delle filiere agroalimentari, forestali ed ambientali. Numerose ricerche portate avanti dai dottorandi libanesi vertono sullo sviluppo delle filiere agro-alimentari, con particolare riguardo per le produzioni enologiche, casearie, olivicole e per la filiera cerealicola e della panificazione. L’Italia è il primo partner commerciale del Libano e la Sardegna può in questo senso trovare ampi spazi sia per i suoi prodotti agro-alimentari che per le competenze professionali.

Gli studi forestali ed ambientali pianificati nell’ambito dell’accordo di collaborazione riguardano problematiche molto sentite in Libano, che ha subito nel tempo una gravissima deforestazione, causata da incendi e disboscamento, e che soffre di gravi problemi di inquinamento delle sue acque interne, delle falde acquifere e della aree marine costiere. In tutte queste aree l’Università di Sassari ha sviluppato competenze molto avanzate, che potranno essere di grande utilità per consentire al Libano di recuperare parte delle aree disboscate, di regolare l’uso del suolo  e di mitigare l’inquinamento ambientale.

La giornata è stata completata dalla visita al Campus di Beirut e in particolare ai laboratori, molto avanzati, dedicati alle analisi chimiche e fisiche sugli inquinanti ambientali.

Questa collaborazione rappresenta anche una grande opportunità formativa e professionale per gli studenti e i ricercatori dell’Università di Sassari ed un’opportunità economica per le imprese e le comunità della Sardegna, come suggerito dalle attività sviluppate durante la stessa visita dal Consorzio UniNuoro e dall’amministrazione comunale della Città di Nuoro.