PWC

Università di Sassari e PwC insieme

Giovedì, 14 Luglio 2022

L’Università degli Studi di Sassari e PwC Italia, organizzazione internazionale che offre servizi professionali di revisione, consulenza strategica, legale e fiscale alle imprese, hanno avviato una collaborazione mirata alla formazione e all’inserimento lavorativo qualificato di giovani studenti dell’ateneo sassarese.

L’intesa parte dal presupposto che il sistema formativo e il sistema produttivo richiedono oggi lo sviluppo di adeguate forme di raccordo fra il mondo della formazione scientifica e quello del lavoro, convergenza che permette di migliorare la qualità della formazione e favorire la diffusione della cultura d’impresa.

L’obiettivo della collaborazione fra l’Ateneo e PwC Italia è un reciproco scambio di competenze in ambito formativo e lo sviluppo di un modello di interazione innovativa con la creazione di vere e proprie “business” e “competence” communities presso l’Università.

L’accordo prevede l’inserimento professionale in PwC Italia dei laureandi e laureati che avranno l’opportunità di accedere a programmi di tirocinio e apprendistato già durante il periodo universitario, e che saranno selezionati attraverso bandi e specifici percorsi di formazione.

Durante la conferenza stampa che si è tenuta nell’aula magna dell’Ateneo, il Rettore Prof. Mariotti ha sottolineato come la sottoscrizione di questo protocollo costituisce la realizzazione di uno dei punti cardine che si era prefissato nel suo programma rettorale, ovvero la realizzazione di quella sintonia fra pubblico e privato che potesse costituire il completamento del percorso studio-ricerca con il successivo passo dello sbocco nel mondo del lavoro. “Questa - ha sottolineato Mariotti - non è una operazione di marketing ma, piuttosto, una operazione vera, concreta, che porterà a risultati palpabili”.

Dal canto suo Fabiano Quadrelli, AD di PwC Italia, ha sottolineato come l’interesse della società sia quello di incrementare le professionalità dei singoli territori, sviluppandone i talenti per poi professionalizzare queste eccellenze per sviluppare gli ambiti originari ma anche, pronti ad esportare queste professionalità, in una prospettiva nazionale ed internazionale.

Siamo felici - ha ha continuato Quadrelli - che si sia concretizzata la possibilità di lavorare con l’Università di Sassari perché siamo ben consci che da qui sono uscite delle eccellenze e la formazione di questo ateneo continuerà a produrre talenti che noi saremo pronti ad accogliere ed avviare nel mondo del lavoro”.

Non solo - ha concluso - ma stiamo avviando una riflessione sull’anticipare i tempi di selezione dei ragazzi e delle ragazze fin dal periodo pre-universitario (e quindi accompagnarli in tutto il periodo universitario), laddove le nuove tecnologie richiedono professionalità che possano essere indirizzate in condivisione con il periodo degli studi”.