selvaggio blu

Uniss e Selvaggio Blu

Mercoledì, 13 Aprile 2022

L’Università di Sassari “sposa” Selvaggio Blu, tradizionale percorso di trekking considerato il più impegnativo della Sardegna per lunghezza, difficoltà, isolamento, privo di punti di appoggio e di rifornimento alimentare e idrico per chi lo pratica. Cinque giorni di cammino, lungo la costa di Baunei, che sfociano in affascinanti e suggestivi scenari a corollario di un’innegabile fatica.

Il progetto “Step - Sardegna, territorialità ed esercizio preventivo”, coordinato dal dipartimento di Scienze Biomediche dell’ateneo turritano, nasce per valorizzare le risorse territoriali attraverso la promozione degli stili di vita attivi, partendo dalla valutazione scientifica dell’esperienza di trekking di Selvaggio Blu. Sei donne e altrettanti uomini fra i 52 e i 65 anni verranno monitorati nelle principali variabili funzionali (capacità aerobica, forza muscolare, equilibrio, etc.) prima, durante (in modo continuativo i valori cardiovascolare, metabolico e nutrizionale) e un mese dopo la conclusione del trekking. In questo modo, la ricerca si propone di verificare in maniera esaustiva l’impatto di questa tipologia di attività sulla salute.

Il progetto si svolge in collaborazione con il laboratorio di Fisiologia dello sport dell’Università di Cagliarti e con l’ASD Explorando Supramonte.