Progetto Biomarmo Università di Sassari

Nuova vita agli scarti industriali

Martedì, 10 Luglio 2018

Venerdì 13 luglio alle 9.30, nell’aula magna B del Complesso Didattico di Via Vienna 2 a Sassari, si terrà l'incontro di avvio del Progetto Cluster BIOMARMO “Da scarti di lavorazione a prodotti a elevato valore aggiunto: conglomerati di marmo per la bioedilizia”. Il progetto, promosso e finanziato da Sardegna Ricerche e condotto dall'Università di Sassari, si colloca nell’ambito delle tematiche trasversali della Bioeconomia, della Chimica Verde e della Bioedilizia applicate all’utilizzo e alla valorizzazione degli scarti industriali.

Gli scarti di lavorazione dei materiali lapidei, le ceneri volanti ottenute dalle centrali termoelettriche e le plastiche rappresentano un enorme problema ambientale ed economico. Il progetto intende trasformare questi materiali di scarto in nuovi materiali a elevato valore aggiunto da utilizzare nei settori delle attività edilizie, dell'arredamento e dell'artigianato artistico, facendoli diventare una vera e propria risorsa economica. Per esempio, nella lavorazione di materiali quali il marmo e il granito, oltre il 75% della produzione è costituita da sfridi (cioè scarti) che hanno necessità di essere stoccati e che restano inutilizzati. Grazie a BIOMARMO, i rifiuti industriali potranno essere trasformati in pavimentazioni, sia stradali che da interni, materiali per l’arredo di bagni e cucine, oggettistica ornamentale, pannelli per l’isolamento termico e acustico e così via.

Contatti: 

Alberto Mariani (responsabile scientifico), mariani@uniss.it; 079.229.556

Graziana Frogheri, graziana.frogheri@sardegnaricerche.it; tel. 070.9243.2813