25 novembre

L'Università di Sassari aderisce alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Giovedì, 25 Novembre 2021

Il 25 novembre in tutto il mondo ricorre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita nel 1999 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

L’Università di Sassari, con il Magnifico Rettore Gavino Mariotti, aderisce a questa campagna di sensibilizzazione di urgenza e valore universale.

L’Ateneo partecipa rinnovando anche quest’anno un gesto simbolico nel palazzo principale di piazza Università: una finestra con una luce rossa, accesa dal 24 novembre fino all’alba del 26, e una sedia vuota, collocata nell’atrio dell’Università, riservata alle donne vittime di violenza.

Ricordiamo il numero 1522 attivo ogni giorno h24.

Un ringraziamento all’Ufficio tecnico dell’Ateneo per il supporto nell’allestimento.

Le azioni dell'Università di Sassari

• G.E.P. – Gender equality plangep@uniss.it
Il Gruppo G.E.P. è uno strumento strategico e operativo dell’Ateneo che rileva le differenze e le discriminazioni di genere all’interno dell’istituzione accademica (nella comunicazione e linguaggio, nel reclutamento, reperimento delle risorse, organizzazione lavorativa, figure apicali e distribuzione di ruoli) e mira all'inclusione di una prospettiva di genere nella ricerca e nel mondo accademico attraverso l'elaborazione di regole, azioni e pratiche volte all’eliminazione delle discriminazioni e alla valorizzazione del ruolo femminile.
Al momento il G.E.P. si sta occupando di:

- Linee guida per un linguaggio inclusivo in Accademia
- Corsi di formazione sull'identità di genere e sul diritto antidiscriminatorio
- Ambulatorio clinico per la Vittimologia e la prevenzione della violenza presso la Clinica Psichiatrica, UNISS-AOU.  (Unità di vittimologia - AOU - Prof.ssa Nivoli)
- Sportello di consulenza per la prevenzione della violenza di genere (Progetto Start - Centri Anti Violenza - Centro A.R.G.IN.O. - Prof.ssa Piga)
- Corsi di autodifesa per le studentesse

• Vittimologia e la prevenzione della violenza – //centrodivittimologia@gmail.com">centrodivittimologia@gmail.com
L’ambulatorio è di fatto una presa in carico clinica, sia psichiatrica che psicologica, ad accesso diretto (le pazienti contattano la clinica senza passare per le vie del CUP, direttamente in base alla disponibilità della nostra agenda).
L’attività risponde alle esigenze assistenziali della AOU di Sassari, ma vengono seguiti dei protocolli di ricerca per la raccolta di dati per comprendere i fattori di rischio e di protezione che caratterizzano il fenomeno della violenza intepersonale ed implementare i dati delle ricerca scientifica. L'Unità si occupa anche di approfondire costantemente le preparazione professionale degli operatori, ma anche di organizzare corsi di formazione a tutte quelle figure professionali che avranno a che fare con le vittime di violenza, o con gli attori coinvolti (forze dell'ordine, comuni, istituti di istruzione, associazioni, ...).

• C.U.G. Comitato Unico di Garanzia – //cug@uniss.it">cug@uniss.it
Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni si propone di assicurare all'interno della nostra Università un ambiente di studio e di lavoro positivo per tutte e tutti - docenti, tecnici, amministrativi, studenti, collaboratori, dottorandi, specializzandi, assegnisti di ricerca.
Per il 2022 sono previste delle attività formative e di sensibilizzazione sulla violenza di genere, il sessismo nella lingua e nelle immagini e su maschilità e cura educativa

• A.R.G.IN.O. – Advanced Research on Gender INequalities and Opportunities – argino@uniss.it
Il Centro Studi di Genere di Ateneo A.R.G.IN.O. nasce nel 2018 dalla consapevolezza della necessità di diffondere una cultura delle pari opportunità, per promuovere lo studio sul tema delle culture della differenza e sui principali motivi di diseguaglianza o violazione dei diritti umani, come per esempio nel caso della violenza di genere, oltre che per valorizzare azioni di sensibilizzazione sia all’interno del mondo accademico, sia nella società civile.
Tra le attività si segnala il Progetto START – In rete per ripartire che prevede di attivare un osservatorio attaverso il quale attivare reti e partenariati a livello regionale, con ricadute sui servizi locali e regionali, in collaborazione con gli ordini professionali che saranno coinvolti nelle attività di formazione, di sensibilizzazione e di disseminazione.

• Comitato DivA – Comitato per le Diversità e l'Accoglienza e l'integrazione – stanzadirittiagraria@uniss.it
Il Comitato per le Diversità e l'Accoglienza e l'integrazione DivA è uno degli organi di cui si é dotato il Dipartimento di Agraria e che rappresenta un'azione contro la violenza di genere che ha come presupposti:
- il riconoscimento della dignità delle persone
- la condivisone di una cultura delle diversità
- la tutela e la valorizzazione delle diversità,
- la realizzazione delle condizioni che garantiscano il raggiungimento degli obiettivi in ambito lavorativo e/o di studio di ogni persona qualunque sia il ruolo che ricopre