Capodoglio albino

Il ritorno di "Moby Dick" nei mari della Sardegna

Giovedì, 6 Agosto 2015

Moby Dick è tornata in Sardegna. Il 3 agosto 2015 nel Canyon di Caprera una "balena bianca" è stata avvistata e fotografata a nove anni dal primo avvistamento, fatto al largo di Tavolara, di un capodoglio albino mai documentato prima nel Mediterraneo. Il cetaceo è stato riconosciuto da ricercatori dell'Università di Sassari e turisti durante un'escursione di whale watching di Orso Diving, l'azienda di Corrado Azzali che dal 2010 è specializzata in uscite per mare finalizzate all'avvistamento di cetacei. Durante un tour apparentemente di routine, un soffio all'orizzonte ha attirato l'attenzione dei navigatori.

I mari al largo della Sardegna nord-orientale si confermano ricchi di vita e con diversità rilevanti di specie. Dal 2010 l'Orso Diving supporta gli studiosi del gruppo di ricerca della Dr. Renata Manconi e del Dr. Luca Bittau del Dipartimento di Scienze della Natura e del Territorio (DIPNET) dell'Università di Sassari, che per il quinto anno stanno continuando a studiare balenottere, capodogli e delfini del Canyon di Caprera, un'area sul limite del Santuario Pelagos, ritenuto un "hot spot di cetacei".

Proprio le collaborazioni attivate dal DIPNET per lo studio del capodoglio hanno già consentito lo scambio e la messa in rete di numerosi dati, con la partecipazione di altri istituti di ricerca che studiano i cetacei nel Mediterraneo.

(Foto di Corrado Azzali​​)