corsi-lingua-erasmus-incoming

Erasmus: 619 test di lingua in due giorni

Mercoledì, 22 Aprile 2020

Con 619 test di lingua on line somministrati in due giorni a 395 studenti e studentesse, il Centro linguistico di Ateneo dell’Università di Sassari ha superato il banco di prova dell’emergenza coronavirus. Il test era necessario per gli iscritti che hanno partecipato agli ultimi bandi di mobilità Erasmus ai fini di studio e di tirocinio. Ogni studente poteva scegliere di cimentarsi in una o più lingue tra inglese, francese, spagnolo, tedesco e, per la prima volta, portoghese. “A breve i dipartimenti pubblicheranno la graduatorie sulla base di crediti formativi, voti e risultati del test, così potremo attribuire le circa 400 borse di mobilità”, spiega Luciano Gutierrez, Delegato rettorale all’Internazionalizzazione, mobilità studentesche ed Erasmus. Ma come essere sicuri che il test sia stato svolto regolarmente? “Abbiamo effettuato un’indagine statistica che rivela come i risultati a distanza siano del tutto sovrapponibili a quelli in presenza”, continua il delegato. Inoltre, come spiega la responsabile del Centro linguistico di Ateneo Magda Sanna, “i test online sulla piattaforma ECLA hanno un tempo contingentato e sono strutturati in maniera tale da non facilitare l'uso di ausili didattici esterni”.

I test sono stati svolti sulla piattaforma ECLA del Centro linguistico di Ateneo in soli due giorni, il 20 e 21 aprile, laddove in presenza sarebbe stata necessaria una settimana, considerato che l’aula dedicata del CLA ha 30 posti e, nella necessità di ottemperare alle disposizioni sul distanziamento tra le persone.

“La maggior parte degli studenti e delle studentesse ha preso parte al test a seguito del bando Erasmus for study 2020-2021, con partenza a novembre di quest’anno – continua il professor Gutierrez – E’ possibile che il primo semestre si faccia a distanza, ma si farà. L’Erasmus non si ferma”.

Gli uffici dell'Ateneo coinvolti in quest’attività sono l’Ufficio Comunicazione, il Centro linguistico di Ateneo e l’Ufficio relazioni internazionali.