Palazzo del Rettorato

1.800 iscritti al corso pf 24 per insegnanti

Giovedì, 23 Novembre 2017

Sono quasi 1.800 gli iscritti al PF 24, il percorso formativo che l'Università di Sassari ha attivato in tempi brevissimi, primo ateneo in Sardegna e tra i primi in Italia. Numeri come questi fanno capire che c'è una domanda significativa da parte del territorio, perché importante è la finalità del percorso. L'acquisizione dei 24 crediti formativi universitari ulteriori, infatti, è titolo richiesto dalla normativa nazionale (decreto ministeriale n. 616 del 10 agosto 2017) per l'accesso al concorso nazionale per la Formazione Iniziale e Tirocinio (FIT) finalizzata all'ingresso di insegnanti nella Scuola secondaria di I e di II grado. Sono in tutto 120 ore di lezione che vertono su materie di ambito pedagogico, psicologico, antropologico e metodologico-didattico. I corsi, per i quali è stata necessaria una riprogrammazione, considerato il successo dell'iniziativa, inizieranno il 1° dicembre e si concluderanno entro febbraio. 

"Per noi la formazione degli insegnanti è un tema centrale per lo sviluppo socio-economico della nostra isola e per il futuro dei nostri ragazzi- dichiara il Rettore dell'Università di Sassari Massimo Carpinelli – Tra gli iscritti a questo corso ci sono gli insegnanti che entreranno in ruolo nel 2020, quando è prevista la creazione di 5.000 nuovi posti di lavoro nella scuola.

Formazione, in questo caso più che mai, vuol dire occupazione: una preoccupazione che non appartiene solo alle giovani generazioni, come la cronaca insegna. Se è vero infatti che la maggior parte degli iscritti ha un'età compresa fra i 28 e i 39 anni, non mancano i 50enni e anche chi ha quasi raggiunto la soglia dei 60 anni. Per quanto riguarda la provenienza geografica, il Nord Sardegna la fa da padrone, ma c'è anche una discreta rappresentanza della zona di Oristano e Cagliari e, in minima parte, del resto d'Italia. "La nostra idea è quella di dare un contributo di lungo periodo alla formazione degli insegnanti sardi – prosegue il Rettore – ed è per questo che stiamo lavorando in modo mirato sull'offerta formativa per proporre un percorso completo, che parta già dopo il diploma". Non sfugge infatti il valore e la spendibilità che un corso come questo, da frequentare nella propria Regione, possa acquisire in prospettiva. "L'Università di Sassari si sta impegnando per dare ai futuri insegnanti sardi la possibilità di formarsi qui, in Sardegna. Cogliamo l'opportunità di costruire un legame indissolubile tra scuole, università e territorio, con notevoli, con vantaggi in termini anche di risparmi economici", continua Carpinelli.

L'alto numero di domande, tuttavia, ha avuto anche degli effetti collaterali negativi: "Sappiamo che nei primi giorni si sono verificati alcuni disguidi per via della grande affluenza di corsisti. Di questo ci scusiamo. Abbiamo provveduto a risolvere i problemi man mano che si presentavano e abbiamo anche riaperto le iscrizioni (fino al 21 novembre) per dare ulteriori risposte alle tante richieste che abbiamo ricevuto. Sappiamo che chi partecipa ai corsi lo fa con sacrifici personali di tempo oltre che economici e vogliamo quindi fare il possibile per diminuire i disagi di tutti".

Il tema del costo della certificazione dei crediti posseduti, del resto, non è secondario ed è già emerso nel dibattito pubblico nazionale. Prima di tutto, è bene chiarire che chi segue il piano standard e sostiene tutti e quattro gli esami delle attività formative specifiche previste non paga per la certificazione che in questo caso è ottenuta in modo automatico; invece, a coloro che chiedono il riconoscimento di attività formative pregresse svolte in un qualsiasi ateneo italiano è richiesto il pagamento di un contributo, da 50 a 200 euro, proporzionale alla quantità di attività di cui si chiede il riconoscimento. Ciò è dovuto ai costi amministrativi che una verifica approfondita di questo genere comporta per poter dar luogo a una certificazione in base ai requisiti del DM n. 616/2017.

“Ci rendiamo conto che la questione è complessa e quindi abbiamo deciso di considerare questo corso, a tutti gli effetti, come un corso istituzionale, senza delegare niente all’esterno, dedicando a questa attività i nostri docenti e il nostro personale tecnico-amministrativo, che è a disposizione per fornire ogni chiarimento utile”, conclude il Rettore Massimo Carpinelli. 

Pagina web dedicata