Storia e collezioni

La Biblioteca di Scienze Giuridiche “G. Olives” è una delle più antiche e ricche biblioteche dell’Ateneo sassarese. Istituita nel 1911 come Biblioteca dell’Istituto giuridico della Facoltà di Giurisprudenza, nel 1992 diventa biblioteca dipartimentale.

Dal 2013 diventa Biblioteca di Scienze giuridiche con funzioni di supporto alla didattica e alla ricerca per gli afferenti al Dipartimento di Giurisprudenza. Nello stesso anno viene intitolata all'illustre giurista sassarese del Cinquecento Girolamo Olives,  avvocato fiscale del Consiglio di Aragona e autore dei Commentaria della Carta de Logu.

La Biblioteca possiede circa 100.000 volumi, 150 abbonamenti attivi a periodici specialistici italiani e stranieri, 350 periodici estinti più una cospicua sezione di libri antichi (193 cinquecentine e più di un migliaio di opere anteriori al 1830).

Possiede alcune donazioni di notevole pregio:

  • Dono Era (5.134 volumi di Storia della Sardegna e Storia del diritto italiano, di cui 454 editi anteriormente al 1800, 1.849 editi posteriormente al 1800, 1.013 fascicoli di riviste, 1.998 opuscoli e 450 editti e pregoni originali);
  • Dono Mancaleoni (297 volumi e 809 opuscoli di Storia del diritto romano);
  • Dono Martinez (962 volumi e 150 opuscoli);
  • Dono Camboni-Bua (926 volumi appartenenti allo studio legale dei due avvocati e risalenti all'inizio dell'Ottocento);
  • Dono Salvatore Ruju (587 volumi di carattere tributario e collezioni di riviste specialistiche).

Nel 1998 la  Biblioteca acquisisce il fondo del Seminario di studi latino-americani, unica biblioteca latino-americana della Sardegna, che comprende circa 3.000 opere fra monografie e periodici, riguardanti principalmente il diritto, cultura e società dell'America Latina.