Master universitario di II livello “Mutipa – medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali”

Il Master Universitario intende ampliare la tradizionale offerta didattica e formativa universitaria con un percorso mirato, pluridisciplinare e specialistico di alto livello, in grado di fornire qualificate competenze professionali a laureati interessati ad operare nel settore della clinica dei piccoli animali. E’ infatti ben individuata e manifesta l’esigenza dei veterinari clinici di disporre di competenze atte a rispondere alla odierne necessità nella gestione di cliniche veterinarie. Tale obiettivo è essenziale per il medico veterinario in generale ma è di fondamentale importanza per coloro che svolgono l’attività presso centri complessi con reparto di terapia intensiva e pronto soccorso. 

Obiettivi formativi specifici, finalità, sbocchi e ruoli professionali

Il Master MUTIPA ha lo scopo di formare figure professionali che rispondano alle odierne richieste del mondo del lavoro nel settore di riferimento, nello specifico:

  • preparare figure professionali competenti e autonome nella selezione e nell’applicazione di procedure diagnostiche e terapeutiche necessarie per il trattamento del paziente critico;
  • preparare figure professionali competenti nella gestione manageriale di una struttura ospedaliera veterinaria, competenti nella valutazione economica del rapporto rischio, costo e beneficio.

Queste tematiche rappresentano l’obiettivo delle attività formative del Master in “Medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali - MUTIPA”. 

I risultati attesi al termine del Master, espressi nei termini di competenze professionali acquisite dai partecipanti, consentono di sviluppare un profilo professionale di elevata qualificazione, in grado di inserirsi nel settore clinico dei piccoli animali:     

  • acquisizione di basi scientifiche, esperienze e capacità operative inerenti l’applicazione dell’iter diagnostico e terapeutico nella pratica clinica della medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali;
  • analisi e valutazione critica dei processi decisionali nel paziente critico; 
  • conoscenza degli strumenti diagnostici, laboratorio e diagnostica per immagini, in uso nella medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali;
  • conoscenza dei protocolli diagnostici e terapeutici in uso nella medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali;
  • refertazione, comunicazione con il cliente;
  • management di una struttura clinica.

Le figure professionali formate saranno pertanto in grado di gestire gli aspetti clinici, diagnostici e terapeutici nell’ambito della medicina d’urgenza e terapia intensiva e saranno in possesso delle competenze manageriali necessarie per la gestione di una struttura clinica volta all’attività nei confronti dei piccoli animali. Le competenze acquisite saranno spendibili nel mercato nazionale o estero.

 

Profilo professionale

Funzioni/competenze

Risultati di apprendimento

 

 

 

 

 

 

 

 

Medico veterinario esperto nel settore della medicina d'urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali

Approccio diagnostico e terapeutico al paziente critico

Conoscenza dei protocolli diagnostici e terapeutici in uso nella medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali

Diagnostica per immagini nella medicina d'urgenza

Esecuzione, interpretazione dell’esame ecografico, radiografico in RM e CT nel paziente critico

Anestesia e Terapia Del Dolore

 

Emergenze chirurgiche

Conoscenza dei principi di anestesiologia nel paziente critico. 

Selezione dei farmaci anestetici in medicina d’urgenza

 Monitoraggio cardio respiratorio

Conoscenza delle corrette procedure per un corretto approccio al paziente politraumatizzato chirurgico

Emergenze mediche e

Medicina trasfusionale

Patologia clinica nel paziente critico

Conoscenza dei protocolli diagnostici e terapeutici nelle emergenze mediche

Esecuzione, interpretazione dell’esame citologico dei liquidi biologici nella medicina d’urgenza

Emergenze cardiologiche, endocrine, ginecologiche e neurologiche

Conoscenza dei protocolli diagnostici e terapeutici nelle emergenze cardiologiche, endocrine, ginecologiche e neurologiche

Emergenze dermatologiche, tossicologiche. 

Principi di terapia antibiotica in emergenza e nel paziente critico

Emergenze mediche, alimentazione del paziente critico

Conoscenza dei protocolli diagnostici e terapeutici nelle emergenze dermatologiche, tossicologiche.

Competenza nel corretto impiego della terapia antibiotica

Offerta didattica

Il MUTIPA è un corso della durata di 18 mesi che prevede lo svolgimento di attività formative (lezioni, forme di addestramento e studio guidato) di livello adeguato al grado di perfezionamento e di formazione che si intende perseguire. Le attività di didattica assistita potranno essere tenute, in parte, anche in lingua inglese.

Le attività didattiche potranno essere erogate in parte anche tramite utilizzo dei sistemi caratteristici della didattica interattiva on-line (FAD o MULTIFAD), E-Learning.

All’insieme delle attività suddette, integrate da un periodo di attività pratiche, funzionali ai medesimi obiettivi, e dall’impegno da riservare allo studio e alla preparazione individuale, per un totale di 1500 ore, corrisponde l’acquisizione da parte degli iscritti di 60 crediti formativi universitari (CFU) complessivi.

Il Master si articola in Attività Formative (AF) pluridisciplinari che, a loro volta, comprendono moduli di insegnamento articolati in: lezioni frontali, esercitazioni, lavori di gruppo, progetti applicativi, attività didattiche pratiche e laboratori, seminari e workshop.

La responsabilità didattica dei singoli moduli è attribuita a docenti dell’Ateneo o a docenti/esperti esterni. L’Attività Formativa è coordinata da un docente dell’Ateneo.

Il percorso formativo del Master Universitario è articolato in attività didattiche frontali obbligatorie, articolate in lezioni ed esercitazioni pratiche, impartite da docenti universitari e/o da esperti di elevata qualificazione del settore.

Al corsista è richiesto un impegno complessivo di 1500 ore pari a 60 CFU così suddivisi: 

  • 10 CFU (n. 80 ore di didattica frontale);
  • 27 CFU (n. 420 ore di altre forme di addestramento – laboratorio, studio guidato, didattica interattiva o altro);
  • 15 CFU stage (tot. 375 ore);
  • 3 CFU Attività didattica integrativa;
  • 5 CFU per la prova finale (125 ore);
  • le rimanenti ore sono assegnate alle attività di studio individuale.
  • Rapporto CFU/attività didattiche assistite

CFU lezioni frontali= 8 h

CFU attività pratiche (laboratori, esercitazioni) = 12 h

CFU stage=25 h. 

In maggior dettaglio, la distribuzione dei crediti tra le varie attività formative è la seguente:

 

 

Attività formative

SSD

CFU

ORE
carico di lavoro complessivo

A.F. 1

Approccio al paziente in condizioni critiche

Individuazione del paziente critico VET/09

Valutazione del paziente critico VET/08

5

4

225

A.F. 2

Diagnostica per immagini nel paziente critico

Radiologia e CT nel paziente critico VET/09

Ecografia nel paziente critico VET/08

3

2

125

A.F. 3

Anestesia e terapia del dolore nel paziente critico ed emergenze chirurgiche

Anestesia e monitoraggio paziente critico VET/09

3

75

A.F. 4

Emergenze mediche e Medicina trasfusionale. Patologia clinica nel paziente critico

Emergenze mediche e Medicina trasfusionale VET/08

Patologia clinica nel paziente critico VET/03

6

 

1

175

A.F. 5

Emergenze cardiologiche, endocrine e neurologiche, dermatologiche, tossicologiche, oftalmologiche, ginecologiche.

Principi di terapia intensiva

Emergenze cardiologiche, endocrine, tossicologiche. Principi di terapia intensiva VET/08

Emergenze neurologiche, oftalmologiche VET/09

Emergenze ginecologiche VET/10

3

 

3

 

1

175

A.F. 6

Emergenze mediche, alimentazione del paziente critico.

Emergenze apparato urinario

Emergenze apparato urinario VET/09

Alimentazione del paziente critico AGR/18

5

1

150

 

Stage

 

15

375

 

Attività didattica integrativa

 

3

75

 

Prova finale

 

5

125

 

TOTALE

 

60

1500

 

Nell’ambito dell’attività didattica, è prevista la partecipazione a seminari ed altre attività didattiche integrative (quali, ad esempio convegni, tavole rotonde, visite in strutture, master games), volte ad approfondire i temi trattati nei moduli didattici previsti nel programma formativo. Tali attività saranno proposte nel corso dello svolgimento del Master e/o potranno anche essere proposte dal corsista, purché validate dal Collegio dei docenti del Master. Il piano di studio prevede la frequenza obbligatoria a tempo pieno di almeno il 70% delle attività formative totali. 

Saranno ammesse un numero di ore di assenza pari al 30% del monte orario complessivo, relativo alle attività formative di didattica frontale.

Nei moduli di insegnamento è prevista una importante componente di didattica pratica con ricorso a casi studio, simulazioni in aula e pratica in laboratorio. La discussione dei risultati di attività individuali o svolte in piccoli gruppi consoliderà l’apprendimento e consentirà di sviluppare il confronto in aula al fine di sviluppare negli allievi un approccio fortemente orientato all’analisi, inquadramento e risoluzione di casi pratici e problemi. 

Attività formative e prove di verifica

Al termine di ciascuna Attività formativa i CFU sono acquisiti secondo le seguenti modalità: (a) superamento della prova d’esame con valutazione espressa in trentesimi (30/30), con eventuale lode; (b) frequenza, debitamente documentata e verificata, di almeno il 70% delle ore previste. La votazione minima necessaria al conseguimento dei CFU assegnati a ciascun insegnamento è pari al 60% della votazione massima conseguibile (18/30).

I CFU relativi allo stage si conseguono attraverso lo svolgimento delle attività previste dal progetto formativo di stage e la redazione di una relazione conclusiva sul contenuto delle attività svolte, sentito il parere del soggetto ospitante.

Le attività formative inizieranno presumibilmente nel mese di settembre 2019. Il calendario preciso verrà comunicato a tutti i corsisti in tempo utile dal Direttore del Master.

Le lezioni si svolgeranno esclusivamente una settimana al mese, dal mercoledì alla domenica.  

La sede delle lezioni è sita presso l’Ospedale Didattico Veterinario del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Sassari, via Vienna. 

Le attività didattiche saranno svolte da docenti universitari o da professori a contratto designati dal Collegio dei docenti, tenuto conto delle specifiche esigenze organizzative e didattiche del Master.

Stage

Lo stage (15 CFU, 375 ore) è un’attività formativa obbligatoria del Master in “Medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali - MUTIPA”. 

Lo stage ha un chiaro orientamento professionalizzante e si svolge sotto la supervisione di un tutore accademico. L’elenco delle aziende/enti ospitanti viene gestito e messo a disposizione dalla Direzione del Master, in seguito alla individuazione e selezione di strutture italiane e straniere ospitanti operata dal Collegio dei docenti, che predispone un elenco delle proposte di stage. Gli allievi saranno chiamati a definire la propria opzione e a redigere una proposta progettuale in cui saranno riportati gli obiettivi che si intende raggiungere e le modalità di svolgimento; i nomi del tutor accademico e quello individuato dalla struttura ospitante; il periodo di svolgimento e i dati relativi alle coperture assicurative. 

Il progetto di stage deve essere approvato dalla Direzione del Master, o da apposita Commissione da essa delegata, che valuterà la coerenza del progetto rispetto alle tematiche e alle finalità del Master.

Per l’attivazione degli stage si provvederà a stipulare apposita convenzione fra il Dipartimento di Medicina Veterinaria, titolare del Master in Medicina d’urgenza e terapia intensiva dei piccoli animali e la Struttura/Ente ospitante. 

Per lo stage è obbligatoria la frequenza di almeno l'80% delle ore previste.

Riconoscimento crediti

Il Collegio dei docenti può riconoscere - come crediti acquisiti ai fini del completamento del Master, con corrispondente riduzione del carico formativo dovuto - fino ad un massimo di 20 CFU. Il riconoscimento esonera il partecipante  da una parte delle attività didattiche. I corsisti devono dimostrare di aver svolto una documentata attività formativa di livello universitario, che abbia previsto una modalità di valutazione dell'apprendimento sulle tematiche del Master. Inoltre, i crediti non dovranno essere già compresi tra quelli acquisiti per il conseguimento del titolo che dà accesso al Master.

Prova finale

Per essere ammessi alla prova finale i corsisti dovranno essere in regola con il pagamento delle quote di iscrizione, aver regolarmente frequentato, compiuto lo stage e superato le prove d’esame stabilite per ciascuna Attività formativa.

In seguito al superamento di tutti gli esami previsti dal piano didattico il corsista concluderà il Master con la presentazione di un elaborato per la prova finale.

La prova finale tende ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e professionale del candidato, mediante discussione di un elaborato che potrà avere quale riferimento principale i contenuti dell’esperienza effettuata durante lo stage. 

La commissione d’esame, formata da docenti del Master, esprimerà una votazione in sessantesimi (60/60) con eventuale menzione di lode.

Il conseguimento del titolo comporta l’acquisizione di n. 60 Crediti Formativi Universitari (CFU).

Sede

Il Master Universitario ha sede amministrativa presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Sassari. 

L'attività didattica in presenza si svolgerà prevalentemente presso le strutture del Dipartimento di Medicina Veterinaria e dell'Ospedale Didattico Veterinario del Dipartimento (ODV), che dispongono di strutture adeguate allo svolgimento delle attività programmate (aule, laboratori).

Il Collegio dei docenti potrà individuare eventuali altre sedi didattiche e per lo svolgimento dello stage, previa stipula di apposite convenzioni.

Il corso è aperto ad un numero massimo di 20 partecipanti.

Il numero minimo di iscritti, il mancato raggiungimento del quale non consentirà l’attivazione del corso, è fissato in 16 unità.

Titoli di accesso

Possono presentare domanda di ammissione coloro i quali siano in possesso di:

  • Laurea in Medicina Veterinaria conseguita secondo gli ordinamenti precedenti al D.M. 509/99;
  • Laurea specialistica in Medicina Veterinaria conseguita ai sensi del D.M. 509/99;
  • Laurea magistrale in Medicina Veterinaria conseguita ai sensi del D.M. 270/04;
  • titolo conseguito all’estero ( in tal caso le modalità di ammissione sono descritte nel Bando)