Erasmus Charter for Higher Education (ECHE) & Erasmus Policy Statement (EPS)

L’EACEA (Education, Audiovisual and Culture Executive Agency) della Commissione Europea  ha assegnato all’Università degli Studi di Sassari la Erasmus Charter for Higher Education (ECHE), valida per il periodo 2021-27.

La ECHE è rilasciata agli istituti di Istruzione Superiore in seguito alla valutazione delle candidature presentate dagli atenei ed è indispensabile per poter avere accesso alle Azioni e ai finanziamenti previsti nell’ambito del Programma Erasmus+.

Con la sottoscrizione della ECHE, l’Università di Sassari si impegna a:

  • rispettare e attuare i principi di non discriminazione, trasparenza e inclusione previsti dal programma Erasmus;
  • garantire uguali opportunità ai partecipanti provenienti da tutti i background, con particolare attenzione ai soggetti con minori opportunità;
  • garantire il pieno e automatico riconoscimento (attraverso l’utilizzo del sistema ECTS) dei risultati di apprendimento conseguiti  al termine dei periodi di studio/tirocinio all’estero, anche nell’ambito delle mobilità blended;
  • assicurare la qualità delle azioni di mobilità e dei progetti di cooperazione nelle varie fasi di progettazione  e implementazione degli stessi;
  • Non imporre il pagamento delle tasse universitarie agli studenti in ingresso nell’ambito della mobilità per crediti, per l’iscrizione, gli esami, l’accesso ai laboratori e alle biblioteche;

Tramite la ECHE, UNISS si impegna, inoltre, a sviluppare le priorità del Programma:

  • portare avanti e completare, secondo le tempistiche e le direttive europee, la gestione digitale della mobilità internazionale, attraverso l’adesione alla Student Card Initiative e alla rete Erasmus Without Paper e promuovendo l’utilizzo della App Erasmus;  
  • promuovere pratiche rispettose dell’ambiente, nell’ambito delle azioni previste dal Programma Erasmus;
  • incoraggiare la partecipazione al programma da parte di individui con minori opportunità;
  • sostenere l’impegno civico e la cittadinanza attiva dei partecipanti alla mobilità e ai progetti di cooperazione

In che modo la partecipazione al Programma Erasmus si integra con le politiche di internazionalizzazione e modernizzazione dell’ateneo per il periodo 2021-27

L’Università di Sassari è un Ateneo di medie dimensioni, con 10 dipartimenti e circa 13700 iscritti, radicato in una complessa realtà insulare al centro del Mediterraneo, che punta sull’internazionalizzazione della didattica e della ricerca, sia per limitare gli effetti negativi determinati dall’insularità, sia per favorire l’acquisizione di nuove competenze utili a migliorare l’occupabilità dei laureati, attraverso politiche incentrate sugli scambi e sulla mobilità internazionale. UNISS include nei suoi piani strategici l'internazionalizzazione dell’offerta formativa come uno dei suoi obiettivi principali e si adopera per perseguirlo sia tramite il rafforzamento delle opportunità di studio e formazione all’estero, sia attraverso lo sviluppo di più ampie e mirate attività di cooperazione, finalizzate ad accrescere il numero dei corsi di studio internazionali e a costruire un nuovo modello di università europea.

L’Università di Sassari fa proprie le sfide e gli obiettivi definiti in ambito europeo per la modernizzazione dell’istruzione superiore. In tale ottica, l’ateneo intende continuare ad investire nella mobilità e nella cooperazione transnazionale, per promuovere l’innovazione nella ricerca scientifica e nella didattica e lo sviluppo di competenze e professionalità più adatte ai bisogni della società moderna. Nel suo impegno verso la definizione di un’offerta formativa e di un sistema di istruzione in linea con gli standard internazionali, UNISS adotta gli strumenti messi a disposizione dalla UE, quali il sistema di accumulazione e trasferimento dei crediti, ECTS, e il diploma supplement, al fine di promuovere la mobilità internazionale e favorire la comprensione e il riconoscimento dei titoli e delle qualifiche.

UNISS punta, inoltre, ad essere un ateneo sempre più inclusivo, che, garantendo l’accesso all’istruzione e alle opportunità di formazione ai soggetti più deboli, si impegni attivamente per ridurre le diseguaglianze sociali. […]  In tale ottica, diverse sono le azioni programmate per migliorare l’accessibilità al programma Erasmus, azioni  che includono  la promozione di opportunità di mobilità miste;  il consolidamento delle procedure volte ad assicurare il pieno e totale riconoscimento dei risultati conseguiti all'estero e la loro valorizzazione nel percorso formativo degli studenti; l’incremento delle borse di studio mensili, finalizzato a ridurre gli ostacoli che potrebbero precludere la partecipazione al Programma Erasmus da parte delle categorie più deboli.

In questo contesto di inclusività è da inquadrare l’impegno dell’Università di Sassari per garantire il diritto allo studio agli studenti beneficiari di protezione internazionale e per individuare percorsi personalizzati per gli studenti richiedenti asilo. […] Nella convinzione che il processo di internazionalizzazione richieda l’integrazione nei processi educativi in una visione internazionale, interculturale e globale, UNISS ha promosso e vuole continuare a promuovere rilevanti azioni anche in contesti extraeuropei e, in particolare, nel contesto del Mediterraneo. Nel corso degli ultimi anni, le attività di cooperazione con i Paesi del Nord Africa hanno avuto grande impulso, sia nell’ambito della International Credit Mobility, sia in relazione ai progetti di Capacity Building, e hanno puntato in particolare sulle tematiche legate allo sviluppo sostenibile quale ambito comune di apprendimento per docenti, studenti e staff, al fine della creazione di uno spazio comune della formazione e dell’istruzione non solo europeo, ma euro-mediterraneo. Di particolare rilievo strategico, in tale ambito, risulta il rafforzamento del progetto FORMED, che, in collaborazione con la Fondazione di Sardegna e l’Ente Regionale per il diritto allo studio, promuove e supporta l’iscrizione di decine di studenti dei Paesi dell’Africa settentrionale presso gli atenei sardi. La strategia di internazionalizzazione UNISS mira, inoltre, ad ampliare ulteriormente le collaborazioni in ambito accademico educativo con i Paesi dell’America Latina, che, grazie alla forte affinità culturale e alla presenza di numerose comunità italiane, rappresentano un terreno fertile per incentivare gli scambi e favorire la programmazione di corsi di studio a doppio titolo o congiunti. Particolarmente intensa risulta, inoltre, l’attività di cooperazione con i Paesi del Sud-Est asiatico, specie il Vietnam, recentemente inquadrata nell’ambito del programma Erasmus KA107, e con la Cina. In questo quadro, sarà inoltre intensificata la collaborazione con i network internazionali EUA, IAU, UNIMED e RETI.  Le politiche di internazionalizzazione per il prossimo settennio mirano, pertanto, a riconfermare e ad ampliare gli obiettivi già delineati per il periodo 2014-20. In particolare, le politiche saranno indirizzate a:

  • garantire che le esperienze di mobilità siano parte integrante del percorso formativo di tutti gli studenti
  • sostenere e incoraggiare, attraverso le azioni del Programma Erasmus e gli scambi, il rafforzamento di un’identità europea
  • favorire un contesto di apprendimento multiculturale, nel quale la diversità sia riconosciuta e valorizzata, attraverso l’incentivazione della mobilità in ingresso e la presenza di un numero sempre maggiore di studenti internazionali
  • facilitare la capacità degli studenti e dei neolaureati di confrontarsi e collaborare con persone provenienti da diversi contesti culturali e sociali, (in base ai principi espressi dal “White Paper on Intercultural Dialogue” del Consiglio d’Europa del 7 maggio 2008)
  • promuovere alleanze con altre Università Europee ed extraeuropee, mediante la creazione di partnership per l’erogazione di curricula congiunti finalizzati al miglioramento della qualità ed eccellenza dei sistemi educativi
  • migliorare la qualità della ricerca e della didattica, attraverso lo sviluppo e la sperimentazione di metodologie innovative 
  • sviluppare le abilità digitali degli studenti e contribuire al miglioramento delle competenze linguistiche
  • creazione di percorsi di studio ad impronta internazionale (double e joint degrees), che siano più coerenti rispetto alle esigenze del mercato e in grado di offrire agli studenti una formazione di qualità
  • migliorare la competitività e l’attrattività dell’ateneo sul piano internazionale
  • implementare i processi di digitalizzazione nella gestione delle carriere degli studenti e della mobilità internazionale attraverso l’adesione al progetto Erasmus Without Paper
  • attuare politiche volte a garantire la sostenibilità ambientale delle azioni di mobilità e cooperazione e contribuire allo sviluppo di una coscienza civica tra gli studenti e lo staff.

In che modo la partecipazione alle Azioni Erasmus contribuirà al raggiungimento degli obiettivi strategici istituzionali

Nel corso del prossimo settennio, UNISS intende attuare le proprie politiche di internazionalizzazione attraverso lo sviluppo e il rafforzamento delle seguenti azioni:

- Azione chiave 1 – implementazione della mobilità di studenti e staff tra programme countries e tra programme  partner countries

- Adesione alle linee progettuali finalizzate a consolidare forme di collaborazione con università europee ed extraeuropee, per favorire l’innovazione, l’imprenditorialità e l’occupabilità di studenti e ricercatori, rafforzando lo scambio di conoscenze e di pratiche di insegnamento e apprendimento multidisciplinare. Si intende, inoltre, supportare i processi di modernizzazione e internazionalizzazione dei sistemi di istruzione superiore, con l’adesione alle misure della Azione Chiave 2, in grado di favorire la progettazione e l’istituzione di nuovi corsi di studio congiunti.

- Adesione a network europei ed extraeuropei finalizzati a delineare il progetto di università europea.

- Rafforzamento delle attività di cooperazione con partner internazionali, volti a facilitare la presentazione di proposte nell’ambito dell’Erasmus Mundus joint master degrees

La promozione e lo sviluppo delle azioni di mobilità sarà garantito attraverso il rafforzamento di una serie di misure e buone pratiche, già implementate negli ultimi anni, che hanno favorito un’ampia partecipazione al Programma da parte di studenti e staff e che prevedono: l’adozione di procedure semplificate e il passaggio alla digitalizzazione dei processi, nel rispetto degli obiettivi e delle tempistiche fissate nell’ambito del progetto Erasmus Without Paper; l’ottimizzazione delle procedure volte a garantire il pieno riconoscimento delle attività formative svolte all’estero e dei relativi crediti conseguiti; il miglioramento della qualità delle esperienze svolte all’estero, attraverso la cura della preparazione linguistica dei partecipanti e l’assistenza capillare fornita a livello centrale  e dipartimentale nella preparazione dei Learning Agreement. […]

Le misure messe in atto per garantire l’accessibilità al programma da parte di tutte le categorie di studenti, incluse quelle più svantaggiate, continuerà a consentire il raggiungimento degli obiettivi dell’ateneo in termini di internazionalizzazione e, in particolare: l’incremento del numero di partecipanti alla mobilità; favorire la creazione di un ambiente accademico internazionale; assicurare l’acquisizione e lo sviluppo delle competenze linguistiche e settoriali da parte degli studenti, migliorandone le prospettive occupazionali; migliorare l’attrattività dell’ateneo sullo scenario internazionale. […]

UNISS incoraggia docenti e ricercatori a inserirsi nei progetti di collaborazione, favorisce l’adesione a reti e la costituzione di partnership in vista della presentazione delle relative candidature. Grazie allo sviluppo delle attività di cooperazione internazionale, l’ateneo intende creare nuove opportunità di collaborazione finalizzate all’istituzione di corsi internazionali, doppi o congiunti con altri atenei partner europei ed extraeuropei. Con un’attiva partecipazione alle azioni Erasmus, in particolare attraverso l’intensificazione degli scambi per docenti, studenti e personale tecnico amministrativo e attraverso progetti congiunti, nuove partnership ed esperienze di cooperazione interuniversitaria, l’ateneo potrà ottenere un sicuro arricchimento degli scambi scientifici, della qualità della offerta formativa e del potenziale di apprendimento critico e di co-sviluppo delle conoscenze e dei know-how.  Al tempo stesso, l’Ateneo potrà proseguire nella politica di potenziamento della sua capacità di attrazione e di sviluppo dei flussi di studenti incoming, attivando nuovi stimoli alla diversificazione dei metodi d’insegnamento e alla flessibilità dell’offerta formativa delle conoscenze e dei know-how.  Al tempo stesso, l’Ateneo potrà proseguire nella politica di potenziamento della sua capacità di attrazione e di sviluppo dei flussi di studenti incoming, attivando nuovi stimoli alla diversificazione dei metodi d’insegnamento e alla flessibilità dell’offerta formativa

L’impatto previsto sull’Istituzione grazie alla partecipazione al Programma Erasmus

La partecipazione alle azioni offerte dal Programma Erasmus determinerà un maggior livello di internazionalizzazione dell’ateneo, con un forte impatto su governance, dipartimenti, docenti, personale tecnico amministrativo e studenti, in termini di: incremento della cooperazione internazionale, con particolare riferimento all’istituzione di double/joint degree; miglioramento delle competenze linguistiche e digitali degli studenti, anche tramite il rafforzamento delle opportunità di tirocinio mirate; lo sviluppo di competenze pedagogiche per lo staff, al fine di contribuire in modo incisivo alla modernizzazione della didattica; il rafforzamento delle collaborazioni con le aree geografiche di riferimento; l’incremento del numero di  studenti che, attraverso la partecipazione alle azioni di mobilità o l’iscrizione a corsi congiunti, svolga un’esperienza accademica internazionale; il miglioramento della qualità delle esperienze attraverso il consolidamento del numero di CFU conseguiti all’estero. In particolare, in relazione agli obiettivi stabiliti nell’ambito delle politiche di internazionalizzazione dell’ateneo, si prevede:

AZIONE CHIAVE 1

  • Un incremento della mobilità complessiva degli studenti e del personale attraverso il progressivo rafforzamento dell’accessibilità al Programma. 
  • Un incremento del numero dei corsi di studio che impartiscono le lezioni agli studenti incoming in modalità mista (lezioni in presenza + lezioni online). 
  • Un incremento delle attività di formazione linguistica destinate agli studenti in mobilità in ingresso e in uscita. 
  • Un incremento del coinvolgimento degli ex studenti Erasmus, per la promozione e la visibilità del programma e per il supporto agli studenti in mobilità, attraverso il rafforzamento del progetto “Erasmus Ambassador” 

Per quanto riguarda i livelli di integrazione degli studenti in condizioni socio-economiche svantaggiate, degli studenti con bisogni speciali e degli studenti internazionali, ed in particolare, dei migranti e richiedenti asilo, UNISS intende contribuire all’inclusività del programma, coinvolgendo un numero maggiore di soggetti appartenenti alle categorie elencate nelle attività di mobilità internazionale tradizionale e mista. 

AZIONE CHIAVE 2

Per quanto riguarda la partecipazione in progetti di cooperazione internazionale nell’ambito dell’Azione Chiave 2 Erasmus+, UNISS prevede di rafforzare ulteriormente la collaborazione con altri Istituti di Istruzione Superiore e attori del più ampio contesto socio economico, tanto nei Programme quanto nei Partner countries, in particolare nelle regioni dell’America Latina, dell’Asia e Paesi della sponda Sud del Mediterraneo, come parte della strategia di internazionalizzazione e modernizzazione dell’Ateneo e delle altre Università con cui si collabora. In particolare, UNISS prevede:

  • L’incremento del numero dei corsi di studio internazionali a doppio titolo/ titolo congiunto. […]
  • L’incremento del numero di progetti di cooperazione internazionale/transnazionale a cui UNISS partecipa, nell’ambito dell’Azione Chiave 2 del Programma Erasmus+. […]
  • Sviluppo di nuove iniziative progettuali nell’ambito dell’istruzione superiore, che coinvolgano comunità scientifica e accademica e portatori di interesse, come risultato delle azioni progettuali e dei partenariati realizzati nell’ambito dell’Erasmus+. […]
  • Partecipazione all’European Universities Initiative, al fine di rafforzare la partnernship strategica internazionale ed offrire agli studenti e personale di lavorare insieme ad un network di Università Europee. […]

 

ECHE & Erasmus Policy Statement 2021-27 (versione integrale)

ECHE 2014-20