Riconoscimento titoli esteri

L'autonomia delle Università consente alle Autorità accademiche competenti di dichiarare che il riconoscimento del titolo possa essere Totale Parziale.

Per le domande che comportano un riconoscimento totale, il titolo estero ha lo stesso valore a tutti gli effetti di quello corrispondente conferito dall'Università di Sassari (Equipollenza) sulla base di una delibera del Consiglio di Corso di Laurea, su proposta della struttura didattica competente, previo l'assenso del Senato Accademico, con emissione finale del decreto rettorale.

Per i riconoscimenti parziali, i candidati sono ammessi a sostenere l'esame finale, con la convalida totale o parziale dagli esami di profitto relativi alla precedente carriera conseguita all'estero (Abbreviazione di corso), secondo quanto previsto dalla delibera il Consiglio di Corso di Laurea, su proposta della struttura didattica competente.

I cittadini extra-comunitari residenti all'estero sono tenuti ad inviare la domanda, corredata di tutta la documentazione prevista, tramite la Rappresentanza Diplomatico-Consolare italiana nel loro Paese o nel Paese straniero di ultima residenza, alla quale detti documenti dovranno pervenire entro i termini stabiliti annualmente dalle disposizioni MIUR relative alle immatricolazioni di studenti stranieri.
I cittadini extracomunitari che chiedono il riconoscimento del titolo accademico estero devono dimostrare la conoscenza della lingua italiana (art. 26 della legge 30 luglio 2002, n. 189 e successive modificazioni).

Scadenze e procedure

Coloro che sono in possesso di un titolo accademico conseguito all’estero possono chiedere il riconoscimento del titolo accademico estero con il corrispondente titolo accademico, di primo o secondo livello, tra quelli rilasciati dall’Ateneo.

Per l’a.a. 2018/2019, i termini di presentazione dell’istanza di riconoscimento di un titolo accademico straniero decorrono dal 1° agosto al 18 ottobre 2018.

La richiesta deve essere indirizzata al Magnifico Rettore, allegando la seguente documentazione:

  • originale del titolo finale di scuola secondaria superiore, che sia valido per l’ammissione all’Università del Paese in cui esso è stato conseguito;
  • traduzione ufficiale in italiano del certificato o diploma di cui al punto precedente;
  • dichiarazione di valore sul titolo finale di scuola secondaria superiore, rilasciata dalla Rappresentanza Diplomatica o Consolare italiana nel Paese al cui ordinamento didattico si riferisce il titolo stesso;
  • titolo accademico - in originale – di cui si richiede il riconoscimento, anch’esso accompagnato dalla traduzione ufficiale in italiano e da dichiarazione di valore, rilasciata dalla Rappresentanza Diplomatica o Consolare italiana nel Paese al cui ordinamento universitario il titolo fa riferimento o attestazione rilasciata dai centri ENIC-NARIC;
  • certificato – in originale – con il dettaglio dei corsi seguiti e degli esami sostenuti all’estero per conseguire il titolo accademico straniero;
  • traduzione ufficiale in italiano del certificato precedente, se non rilasciata in lingua inglese;
  • programmi di studio (su carta intestata dell’Università straniera o avvalorati con timbro della Università stessa), di tutte le discipline incluse nel curriculum straniero, rilasciati in lingua inglese o con la relativa traduzione in lingua italiana, effettuata dalle Autorità competenti secondo la normativa vigente; l’autenticità di tali programmi, come pure di tutta la documentazione precedente deve essere confermata dalla Rappresentanza Diplomatica o Consolare italiana in loco;
  • fotocopia di un documento di identità valido.

Secondo quanto disposto dalla legge n. 148 del 2002, di ratifica ed esecuzione della Convenzione di Lisbona dell’11 aprile 1997, le Università hanno competenza per il riconoscimento dei cicli e dei periodi di studio svolti all’estero e dei titoli di studio stranieri, ai fini dell’accesso all’istruzione superiore, del proseguimento degli studi universitari e del conseguimento dei titoli universitari italiani. Le Università esercitano tale competenza nell’ambito della loro autonomia e in conformità ai rispettivi ordinamenti, fatti salvi gli accordi bilaterali in materia.

In assenza di accordi bilaterali sull’equipollenza tra titoli, la richiesta di riconoscimento può concludersi con un riconoscimento totale del titolo straniero (e il conseguente rilascio del titolo accademico italiano considerato equivalente) oppure con un riconoscimento parziale del titolo e la conseguente possibilità di ottenere, in base al numero dei crediti riconosciuti ed ai sensi dei regolamenti didattici vigenti, l’iscrizione ad anni successivi al primo del corso di studi italiano corrispondente. L’iter di riconoscimento totale si conclude con l’emanazione di un decreto rettorale che rende esecutivo quanto deliberato dagli organi accademici.

Per maggiori informazioni contattare, preferibilmente via mail, l’Ufficio Segreteria studenti e Offerta formativa (Dott.ssa Maria Rita Cubeddu: rcubeddu@uniss.it).