Domanda di laurea sessione straordinaria

Informazioni utili:

A decorrere dall’a.a. 2018/2019 non è più prevista la figura dell’iscrizione “sub-conditione”; all’inizio dell’anno accademico, lo studente-laureando deve alternativamente:

- se ritiene di riuscire a laurearsi, occorre effettuare DOMANDA DI LAUREA nelle modalità ed entro le scadenze previste;

- se ritiene di non riuscire a laurearsi, occorre procedere con il RINNOVO DELL’ISCRIZIONE ALL’A.A. 2018/2019.

SESSIONE STRAORDINARIA A.A. 2017/2018:

Per gli studenti che intendono laurearsi nella sessione di laurea straordinaria dell’a.a. 2017/2018, prevista per Febbraio-Marzo-Aprile 2019, si applicano le previsioni del Regolamento Carriere Studenti dell’a.a. 2017/2018.

Se intendi laurearti nella sessione straordinaria di laurea dell’anno accademico 2017/2018, e se sei in debito di massimo 6 insegnamenti, dovrai obbligatoriamente presentare domanda di laurea entro il termine del 19 ottobre 2018, senza iscriverti all’anno accademico 2018/2019.

Se non presenti domanda di laurea entro il 19 ottobre 2018 sei tenuto a iscriverti regolarmente per l’anno accademico 2018/2019 e a pagare le relative tasse. Tuttavia, qualora la laurea venga effettivamente conseguita entro l’ultima sessione straordinaria dell’anno accademico 2017/2018, potrai richiedere il rimborso di tutte le tasse pagate per l’anno accademico 2018/2019. Chi ha presentato domanda di laurea, ma non riesce a conseguire la laurea entro l’ultima sessione straordinaria dell’anno accademico 2017/2018, potrà iscriversi tardivamente all’anno accademico 2018/2019 pagando le tasse dovute e non pagate, in un’unica soluzione, entro la scadenza della terza e ultima rata.

Lo studente-laureando deve in ogni caso fornire le informazioni inerenti il reddito ISEE, accedendo alla sezione “autocertificazione” del Self Studenti Uniss e concedendo l’autorizzazione all’Ateneo per il recupero dei propri dati inerenti il reddito ISEE dal database dell’INPS, in quanto unico Ente in possesso di tutti i dati reddituali compilati dagli studenti presso un qualsiasi CAF; resta fermo l’obbligo per lo studente di recarsi presso un CAF o presso altri soggetti abilitati per la richiesta del DSU con il valore ISEE, in modo tale che l’INPS sia in possesso delle informazioni. In caso di mancata compilazione della dichiarazione DSU presso i CAF, o in caso di mancata autorizzazione all’Ateneo per il recupero di tali dati, lo studente, nel caso in cui non riesca a laurearsi nella sessione prevista, viene collocato automaticamente nella fascia di reddito massima. 

SESSIONE STRAORDINARIA A.A. 2018/2019:

Per gli studenti che intendono laurearsi nella sessione di laurea straordinaria dell’a.a. 2018/2019, prevista per Febbraio-Marzo-Aprile 2020, si applicano le previsioni del Regolamento Carriere Studenti dell’a.a. 2018/2019.

Se intendi laurearti nella sessione straordinaria di laurea dell’anno accademico 2017/2018, e se sei in debito di massimo 6 insegnamenti, dovrai obbligatoriamente presentare domanda di laurea entro il termine del 18 ottobre 2019, senza iscriverti all’anno accademico 2019/2020.

Se non presenti domanda di laurea entro il 18 ottobre 2019 sei tenuto a iscriverti regolarmente per l’anno accademico 2019/2020 e a pagare le relative tasse. Tuttavia, qualora la laurea venga effettivamente conseguita entro l’ultima sessione straordinaria dell’anno accademico 2018/2019, potrai richiedere il rimborso di tutte le tasse pagate per l’anno accademico 2018/2019. Chi ha presentato domanda di laurea, ma non riesce a conseguire la laurea entro l’ultima sessione straordinaria dell’anno accademico 2018/2019, potrà iscriversi tardivamente all’anno accademico 2019/2020 pagando le tasse dovute e non pagate, in un’unica soluzione, entro la scadenza della terza e ultima rata.

Lo studente-laureando deve in ogni caso fornire le informazioni inerenti il reddito ISEE, accedendo alla sezione “autocertificazione” del Self Studenti Uniss e concedendo l’autorizzazione all’Ateneo per il recupero dei propri dati inerenti il reddito ISEE dal database dell’INPS, in quanto unico Ente in possesso di tutti i dati reddituali compilati dagli studenti presso un qualsiasi CAF; resta fermo l’obbligo per lo studente di recarsi presso un CAF o presso altri soggetti abilitati per la richiesta del DSU con il valore ISEE, in modo tale che l’INPS sia in possesso delle informazioni. In caso di mancata compilazione della dichiarazione DSU presso i CAF, o in caso di mancata autorizzazione all’Ateneo per il recupero di tali dati, lo studente, nel caso in cui non riesca a laurearsi nella sessione prevista, viene collocato automaticamente nella fascia di reddito massima. 

Per maggiori informazioni contattare le Segreterie Studenti.