Master Universitario di II livello in Psichiatria Forense e Criminologia Clinica

Il Master universitario di II livello denominato “Psichiatria Forense e Criminologia Clinica” nasce dall’esigenza di colmare il vuoto e l’insufficienza formativa offerta nei percorsi universitari rispetto alla acquisizione di competenze teoriche e pratiche in ambito psichiatrico forense e criminologico clinico che possano portare ad una corretta comprensione, prevenzione e trattamento di comportamenti violenti, devianti e criminali.

Il Master risponde all’importante e crescente  esigenza in ambito pubblico e privato di acquisire competenze in campo psichiatrico forense, criminologico clinico, criminologico minorile, vittimologico, psicologico, giuridico e sociologico, derivata dalla recente chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e conseguente delega ai Dipartimenti di Salute Mentale e delle Dipendenze (DSM), della presa in carico dei  pazienti psichiatrici autori di reato con la  creazione delle REMS (Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) e delle istituende Unità di Psichiatria Forense. Inoltre negli ultimi anni numerose istituzioni quali Tribunali, Servizi Sociali, ASSL e Numerose Società Scientifiche sottolineano la necessità di formazione e di aggiornamento di figure professionali in tale ambito.

Il comportamento violento, deviante e criminale è un evento multideterminato e multifattoriale, che per la sua complessità si avvale di diverse discipline quali la psichiatria, la psicologia, la criminologia, la biologia, la sociologia e il diritto. Pertanto, sebbene il Master trovi il proprio target di riferimento tra i laureati e i professionisti di area medico-giuridica, sarà comunque aperto anche ai laureati in altre discipline, in considerazione del fatto che oggi molti sono i settori che richiedono una crescente presenza e qualificata preparazione di figure con competenze strategiche da inserire negli ospedali psichiatrico-giudiziari, case di reclusione, centri di accoglienza, presso Enti pubblici e/o  privati a qualsiasi grado e livello.

L’esperto in Psichiatria Forense e Criminologia Clinica potrà utilizzare le competenze strategiche e d’intervento acquisite durante l’intero percorso formativo spendendole nelle attività libero professionale, nel settore sanitario, peritale (civile, penale e minorile), riabilitativo sia in ambito pubblico che privato.

Il percorso formativo del Master universitario è articolato in attività didattiche frontali, attività di studio individuale, laboratorio e attività di predisposizione della tesi di master (project work) e di stage.

Attività didattiche

Le attività didattiche frontali obbligatorie, per complessive 500 ore, sono articolate in lezioni ed esercitazioni pratiche relative ai vari insegnamenti, discussione di casi concreti, seminari, impartiti da docenti universitari e in dipendenza di eventuali esigenze formative anche da dirigenti pubblici e di aziende private, professionisti ed esperti del settore dei servizi alla persona. Il Collegio dei docenti si riserva la facoltà di stabilire che parte delle attività formative abbia luogo in altre lingue oltre quella italiana.

Si prevede uno stage per un periodo non inferiore a 250 ore per tutti gli iscritti al Master.

I 60 CFU necessari al conseguimento del titolo di master sono così distribuiti:

  • Insegnamenti (inclusivi di ore di lezione, esercitazione, studio e laboratori): 45 CFU. Ad ogni insegnamento è assegnato un numero di CFU compreso tra 1 e 6;
  • Prova finale: 5 CFU (1 CFU = 10 ore)
  • Stage: 10 CFU (1 CFU= 25 ore)

Sono previsti stages presso le strutture del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, degli Uffici Giudiziari, dei servizi penitenziari, per minorenni e per adulti, di riabilitazione psico-sociale, nonché presso laboratori di criminalistica e di tossicologia forense e/o altra sede che il Collegio dei docenti riterrà idonea alla formazione del corsista.

Sedi delle attività formative

Le attività formative si terranno nei locali della Clinica Psichiatrica dell’Università degli Studi di Sassari e da quelli messi a disposizione, se necessario, dagli enti, dalle istituzioni, dai soggetti pubblici e privati sostenitori del Master.

Le lezioni potranno essere svolte:

a) in modalità frontale;
b) in modalità e-learning attraverso la piattaforma Moodle, a seguito di particolare richiesta del corsista;
c) in video conferenza e/o via SKYPE, a seguito di particolare richiesta del corsista;

Requisiti

I requisiti richiesti per l’ammissione sono i seguenti:

  • laurea specialistica o magistrale nella classe 46/S o LM-41 conseguita a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Medicina e Chirurgia conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea specialistica o magistrale nelle classi 22/S e 102/S o LMG-01 conseguita a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Giurisprudenza conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea specialistica o magistrale nella classe 58/S o LM-51 conseguita a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Psicologia conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea specialistica o magistrale nelle classi 57/S, 60/S, 70/S e 89/S o LM-87, LM-52 , LM-62 e LM-88 conseguite a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Scienze Politiche conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea specialistica o magistrale nelle classi 65/S e 87/S o LM-57 e LM-85 e conseguite a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Pedagogia conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea specialistica o magistrale nelle classi 56/S, 65/S e 87/S o LM-50, LM-57, LM-85 e LM-93 e conseguite a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero laurea in Scienza dell’educazione conseguita secondo il vecchio ordinamento (antecedente il D.M. 3 novembre 1999 n. 509)
  • laurea magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche nella classe SNT_SPEC/1 o LM/SNT1 conseguita a norma dei D.D.M.M. 3 novembre 1999 n. 509 e 22 ottobre 2004 n. 270.

I titoli conseguiti all’estero, ai sensi delle norme del MIUR, concordate con i Ministeri degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dell’Interno, per l’accesso degli studenti stranieri ai corsi universitari, saranno valutati dal Collegio dei Docenti o dalla Commissione a ciò delegata, che li potrà riconoscere equivalenti ai titoli sopra indicati e ai soli fini dell’ammissione al Master.

Il Master, inoltre, prevede la formazione di minimo di 20 e un massimo di 40 partecipanti.

Ammissione e quota di iscrizione

L’ammissione al Master universitario è subordinata, indipendentemente dal numero delle domande di ammissione presentate, al superamento di un colloquio attitudinale-motivazionale e/o un test multidisciplinare, al fine della verifica del possesso di specifiche competenze indicate nel bando e della determinazione della relativa graduatoria di ammissione. Le modalità della/e prova/e selettiva/e, i criteri per la valutazione dei titoli, ed il relativo punteggio attribuibile da parte della Commissione appositamente nominata dal Collegio dei docenti, saranno indicati nel bando, inclusi i criteri per l’eventuale valutazione dei titoli di studio e delle esperienze lavorative connesse alle tematiche del master e la documentazione necessaria a corredo della domanda di ammissione.

La quota di iscrizione al corso è pari a totali euro 3.500,00, comprendenti la quota a favore del centro autonomo di spesa, l’imposta di bollo, il contributo a favore dell’Ateneo e le quote relative alla copertura assicurativa dei corsisti per infortuni e RC verso terzi per le attività didattiche e la frequenza dello stage.

Sono esonerati dal pagamento delle tasse i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 66%, che dichiareranno il loro status, i quali saranno tenuti comunque al versamento dell’imposta di bollo e al versamento del costo relativo alla polizza obbligatoria di Assicurazione Infortuni e Responsabilità Civile. I costi per lo svolgimento dello stage, ad eccezione di quelli concernenti l’assicurazione obbligatoria riferita allo stage, restano interamente a carico dello stagista.

La gestione organizzativa, amministrativa, contabile e didattico-scientifica è di competenza del Dipartimento promotore.