CORSO DI DOTTORATO IN Architettura e Ambiente - Architecture and Environment

Introduzione

Aree disciplinari: Ingegneria civile e Architettura, Scienze della Terra, Scienze Biologiche, Scienze Agrarie, - Scienze Archeologiche

Dipartimenti interessati: Architettura, Design e Urbanistica, Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione, Scienze Chimiche e Geologiche (UNICA)

  • Aree disciplinari: Ingegneria civile e Architettura, Scienze della Terra, Scienze Biologiche, Scienze Agrarie, - Scienze Archeologiche
  • Dipartimento: Architettura, Design e Urbanistica (sede amministrativa), Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione, Scienze Chimiche e Geologiche (UNICA)
  • Coordinatore: Prof. Vincenzo Pascucci
  • Architettura, Design e Urbanistica (sede amministrativa), Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione – Strutture esterne sia Italiane che Estere
  • Modalità di erogazione della didattica: mista
  • Lingua: italiano - inglese
  • Crediti formativi: 180

CARATTERISTICHE

Breve descrizione

La questione ambientale impone di ripensare forme e modi dell’abitare attorno a concetti di sostenibilità ambientale e alle varie scale, dalla pianificazione del territorio e dei sistemi di trasporto, di gestione delle risorse biotiche e abiotiche e degli ecosistemi, dell’energia, dell’acqua e del suolo, della progettazione sostenibile, della filosofia dell’architettura e metodologia del progetto, del recupero e della rigenerazione urbana fino al design degli oggetti e della comunicazione.

Il dottorato punta a formare un ricercatore in grado di comprendere gli spazi costruiti e le loro relazioni con ambiente e paesaggio per progettarne gestione e trasformazione. Ciò richiede un approccio sistemico e multidisciplinare: gli steccati disciplinari con le loro teorie escludenti non permettono di affrontare il tema della sostenibilità in modo integrato.

Il dottorato è tematizzato e interdisciplinare, ma è coerente per contenuti, obiettivi e approccio metodologico. È centrato sull’architettura e sul progetto ambientale dello spazio a partire di adeguate conoscenze naturalistiche.

L’obiettivo è rendere la sostenibilità concreta occupandosi di oggetti materiali e immateriali in relazione alle strutture e funzioni dell’ecosistema, ma anche di riqualificare, recuperare, restaurare, ripensare, riusare, riciclare, ridurre

Ripensare e ricapitolare la storia, rielaborarla, riviverla; ridisegnare la città e il suo territorio, il paesaggio e l’ambiente nei rapporti reciproci, la sua forma e i suoi oggetti, con un senso del limite, del risparmio, dell’equità, della solidarietà.

Obiettivi formativi:

Obiettivo della scuola è la formazione di figure professionali e di ricerca di alto profilo qualificate per la gestione del progetto alle diverse scale, da quella urbana/territoriale - con particolare attenzione alle dinamiche ambientali e alle forme - processo che le caratterizzano - a quella architettonica, attraverso metodi, tecniche e strumenti per la lettura, l’interpretazione, la rappresentazione e la gestione dei diversi contesti di progetto, basandosi sull’approfondimento dei vari aspetti delle discipline che concorrono - tradizionalmente e no - al progetto della città e del territorio, fino alla scala dell’oggetto e del design.

Il dottore di ricerca che si intende formare può trovare collocazione nell’ambito della ricerca, della didattica, della professione e dell’amministrazione pubblica in posizioni dirigenziali, di coordinamento, di gestione e procacciamento di fondi. Un operatore di elevato livello culturale e tecnico in grado di affrontare con appropriata consapevolezza e preparazione i problemi posti attualmente dalla complessità della realtà urbana e territoriale e in particolare dalla crisi ambientale e da uno “sviluppo sostenibile” quali:

- l’abitare e l’evoluzione del costruito

- il patrimonio storico architettonico e archeologico

- città e campagna

- la città dei diritti

- ambiente, territorio e paesaggio

- la geologia, la botanica, la pedologia e l’ecologia come fondamenti del territorio

- le molte dimensione del progetto e del piano

- gli oggetti che ci fanno intelligenti

Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Si conferma l’indagine di Alma Laurea del 2015. I dottori di ricerca che hanno conseguito il titolo negli ultimi tre anni (XXVI XXVII XXVIII ciclo) in Architettura e Ambiente sono titolari di assegni di ricerca, liberi professionisti, ricercatori in università o centri di ricerca esteri. Tuttavia va sottolineato che la facilità di trovare impiego è spesso accompagnata da tempi lunghi di stabilizzazione contrattuale e valorizzazione professionale, sia in riferimento alle loro performance occupazionali all’interno del tessuto produttivo nazionale, dove il titolo di dottorato fatica tuttora ad essere apprezzato.

Lingue

Questo Corso di dottorato prevede 3 corsi comuni obbligatori tenuti completamente in Inglese volti a migliorare la comunicazione e la comprensione orale e l’utilizzo dell’inglese scientifico in termini di: i) lettura e comprensione di testi scientifici; ii) scrittura di testi scientifici; iii) comunicazione orale in consessi scientifici.

Tutte gli insegnamenti sono tenuti con materiale bilingue - Italiano/Inglese - e i docenti usano entrambi gli idiomi durante le lezioni.

I dottorandi possono frequentare il Centro Linguistico di Ateneo per un approfondimento linguistico.

 

Strutture operative e scientifiche, patrimonio librario e banche dati

I Dipartimenti che contribuiscono al funzionamento del Corso – Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica e Chimica e Farmacia - dispongono di laboratori dotati di strumentazione per analisi in pieno campo e in ambiente controllato, nonché di campi sperimentali e di postazioni per il monitoraggio e manipolazione delle condizioni ambientali. Sono disponibili laboratori di Architettura, Urbanistica, Scienze della Terra, Ecologia, Botanica e Pedologia. Inoltre, sono presenti laboratori informatici.

I dottorandi hanno accesso libero al Sistema Bibliotecario di Ateneo http://sba.uniss.it/, con:

  • 40.500 riviste elettroniche in abbonamento; 10.000 gratuite sul Web
  • 52 banche dati e altre pubblicazioni elettroniche in abbonamento; 600 gratuite sul Web
  • 14.500 e-books
  • Prodotti digitali della ricerca scientifica dell’Ateneo nell’Archivio istituzionale UnissResearch (10.500 pubblicazioni fra cui le tesi di Dottorato)

REQUISITI DI ACCESSO

Titolo di accesso: Laurea Magistrale o Laurea Specialistica o Laurea antecedente D.M. 509/1999

Criteri di selezione: Concorso pubblico con valutazione di titoli, progetto di ricerca e colloquio

Lingue: la conoscenza dell’Inglese (o di una qualsiasi seconda lingua) è richiesta per l’ammissione al Corso. 

Introduction

Disciplinary area: Civil Engineering and Architecture, Earth Sciences, Biological Sciences, Agricultural Sciences, - Archaeological Sciences

Departments involved: Architettura, Design e Urbanistica, Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione, Scienze Chimiche e Geologiche (UNICA)

Brief description:
The environmental issue requires rethinking forms and ways of living around concepts of environmental sustainability and various scales, from spatial planning and transport systems, management of biotic and abiotic resources and ecosystems, energy, water and soil, sustainable design, architectural philosophy and methodology of the project, of urban recovery and regeneration up to the design of the objects and communication.
The doctorate aims to train a researcher able to understand the built spaces and their relationships with the environment and landscape to design their management and transformation.

INFORMATION ON THE PH.D. COURSE
The aim of the school is to train high-profile professional and research figures qualified for the management of the project at different scales, from urban / territorial - with particular attention to the environmental dynamics and the forms - process that characterize them - to the architectural one, through methods, techniques and tools for the reading, interpretation, representation and management of different project contexts, based on the deepening of the various aspects of the disciplines that contribute - traditionally and not - to the project of the city and the territory, up to on the scale of the object and design.

KEY INFORMATION
- Disciplinary area: Civil Engineering and Architecture, Earth Sciences, Biological Sciences, Agricultural Sciences, - Archaeological Sciences
- Department: Architettura, Design e Urbanistica, Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione, Scienze Chimiche e Geologiche (UNICA)
- Coordinator: Prof. Vincenzo Pascucci
- Venue: Architettura, Design e Urbanistica (sede amministrativa), Chimica e Farmacia, Scienza dell’Uomo e della Formazione - External structures in Italy and abroad
- Type of lessons: frontal and practical lessons
- Language: Italian - English
- ECTS: 180

OVERVIEW
Brief description:
The environmental question requires rethinking forms and ways of living around concepts of environmental sustainability and the various scales, from spatial planning and transport systems, management of biotic and abiotic resources and ecosystems, energy, water and soil, sustainable design, architectural philosophy and methodology of the project, of urban recovery and regeneration up to the design of objects and communication.
The doctorate aims to train a researcher able to understand the built spaces and their relationships with the environment and landscape to design their management and transformation. This requires a systemic and multidisciplinary approach: the disciplinary barriers with their exclusionary theories do not allow to address the issue of sustainability in an integrated way.
The doctorate is themed and interdisciplinary, but is coherent with contents, objectives and methodological approach. It is centered on architecture and on the environmental project of space starting from adequate naturalistic knowledge.
The goal is to make concrete sustainability dealing with material and immaterial objects in relation to the structures and functions of the ecosystem, but also to redevelop, recover, restore, rethink, reuse, recycle, reduce
Rethink and recapitulate the story, rework it, relive it; redesign the city and its territory, the landscape and the environment in reciprocal relationships, its shape and its objects, with a sense of limit, of saving, of equity, of solidarity.

Teaching goals:
The aim of the school is to train high-profile professional and research figures qualified for the management of the project at different scales, from urban / territorial - with particular attention to the environmental dynamics and the forms - process that characterize them - to the architectural one, through methods, techniques and tools for the reading, interpretation, representation and management of different project contexts, based on the deepening of the various aspects of the disciplines that contribute - traditionally and not - to the project of the city and the territory, up to on the scale of the object and design.
The research doctor you want to train can find a place in the field of research, teaching, profession and public administration in management positions, coordination, management and procurement of funds. An operator of a high cultural and technical level able to face with appropriate awareness and preparation the problems currently posed by the complexity of the urban and territorial reality and in particular by the environmental crisis and by a "sustainable development" such as:
- the living and the evolution of the built
- the historical architectural and archaeological heritage
- city and countryside
- the city of rights
- environment, territory and landscape
- geology, botany, pedology and ecology as foundations of the territory
- the many dimensions of the project and the plan
- objects that make us intelligent.

Expected employment and professional opportunities
The 2015 Alma Laurea survey is confirmed. Research graduates who have obtained the title in the last three years (XXVI XXVII XXVIII cycle) in Architecture and the Environment are holders of research grants, freelancers, researchers in universities or foreign research. However, it should be emphasized that the ease of finding employment is often accompanied by long periods of contractual stabilization and professional enhancement, both in reference to their employment performance within the national productive fabric, where the PhD title still struggled to be appreciated.

Language
This PhD course includes 3 compulsory common courses taught entirely in English aimed at improving communication and oral comprehension and the use of scientific English in terms of: i) reading and understanding of scientific texts; ii) writing of scientific texts; iii) oral communication in scientific forums.
All courses are taught with bilingual material - Italian / English - and teachers use both languages during lessons.
PhD students can attend the University Linguistic Center for a linguistic study.
Laboratories, facilities, libraries, and databases
The Departments that contribute to the operation of the Course - Department of Architecture, Design and Urban Planning and Chemistry and Pharmacy - have laboratories equipped with instruments for analysis in the open field and in a controlled environment, as well as experimental fields and positions for monitoring and manipulation of environmental conditions. There are workshops in Architecture, Urban Planning, Earth Sciences, Ecology, Botany and Pedology. Furthermore, IT laboratories are present. PhD students have free access to the University Library System http://sba.uniss.it/, with: • 40,500 electronic journals in subscription; 10,000 free on the Web • 52 databases and other electronic publications on subscription; 600 free on the Web • 14,500 e-books • Digital products of the University's scientific research in the UnissResearch institutional archive (10,500 publications including PhD theses).

REQUIREMENTS
Education: master's degree
Selection process: Public call with evaluation of qualifications, research project and interview
Language: knowledge of the English language is required for admission to the course.